Cercando Virginia
di Elisabetta Bricca, Garzanti

Cercando Virginia
di Elisabetta Bricca, Garzanti

Cercando Virginia

di Elisabetta Bricca, edizioni Garzanti

Cercando Virginia Elisabetta Bricca Garzanti letturedikatja.com

Recensione

Con “Cercando Virginia” Elisabetta Bricca ha regalato ai suoi lettori un bellissimo romanzo di formazione che scava nelle pieghe della condizione femminile in una società patriarcale. Scelta di certo non facile, un tema ancora oggi molto controverso.

Attraverso la storia di Emma, la protagonista di “Cercando Virginia”, l’autrice ci racconta del potere salvifico della lettura e delle difficoltà che le donne devono affrontare per potersi esprimere liberamente senza condizionamenti; di ambire ad un lavoro e alla conseguente indipendenza economica, cardini essenziali questi per il raggiungimento della libertà intellettuale e morale delle donne di tutti i tempi.

“Una stanza tutta per sé” di Virginia Woolf rappresenta ancora oggi uno dei più importanti manifesti femministi e in “Cercando Virginia” viene più volte sottolineata la diffidenza di una società “impreparata” che soffoca ogni anelito di libertà.
La storia di Emma potrebbe essere una storia come tante, costretta a lasciare la propria casa dopo aver subito una violenza, Emma fugge dalla vergogna, dal disprezzo dei suoi stessi genitori, e grazie al fratello, si rifugia presso la dimora di Clarissa, una ricca signora aristocratica, che si fa chiamare signora “Dalloway”, in onore della sua scrittrice preferita.

L’incontro tra le due donne cambierà per sempre il corso della vita della nostra giovane protagonista, grazie ad un confronto aperto, Emma acquisirà una nuova consapevolezza di sé, svincolata dalle sbarre dell’ignoranza, è finalmente libera di istruirsi e conoscere il mondo. Il momento più buio della sua vita si è rilevato provvidenziale, le ha permesso di far parte di uno scenario nuovo, e senza quello strappo non avrebbe mai avuto il coraggio di cambiare il corso della sua vita, una scelta impensabile fino a poco tempo prima.

La signora Dalloway la introduce nel mondo di Virginia Woolf prospettandole una concezione nuova, le parla dei diritti delle donne, dell’importanza di raggiungere l’indipendenza economica e dell’opportunità di poter avere un’istruzione adeguata alle proprie inclinazioni. Per la giovane Emma l’incontro con la scrittrice si rivela fondamentale tanto da abbracciare la causa e diventare nel tempo un punto di riferimento per tantissime donne nella sua stessa condizione.

Entrambe sono animate dalla stessa fede, spinte dallo stesso bisogno di rivalsa, e mentre la signora Dalloway in passato ha commesso degli errori, desidera per Emma un futuro migliore, più consapevole,  la spinge a cercare con forza la propria voce. La sfida a non fermarsi davanti agli ostacoli, alla solitudine e ad aggirare la paura, responsabile di scelte vigliacche. Insieme fondano il “Club di Virginia” per tutte quelle donne che aspirano ad un cambiamento. Agli incontri le donne imparano ad acquisire maggiore fiducia in sè stesse e a credere nelle proprie capacità, e scoprono per la prima volta di non essere sole, animate dalla stessa voglia di riscatto riconoscono nella solidarietà femminile una grande risorsa.

Virginia-Woolf Cercando Virginia Elisabetta Bricca Garzanti letturedikatja.com

Emma si dona anima e corpo alla causa, mettendo in discussione il suo matrimonio quando la sua amica Clarissa le affida, in nome della loro lunga amicizia, il suo ultimo desiderio. Un’ardua impresa attende Emma, a cui toccherà il compito di riannodare i fili del passato di Clarissa, mettendo a frutto le discussioni e le letture fatte non solo per sé stessa ma per tutte le donne che non sono state libere di seguire le proprie aspirazioni.

È quasi riduttivo considerarlo un semplice romanzo. Elisabetta Bricca ha scritto pagine dense di significato, fruibili da un vasto pubblico di lettori, grazie ad una prosa ricca di contenuto ed estremamente accogliente. L’autrice sottolinea con forza il potere della lettura, particolarmente il valore dell’istruzione e regala ai lettori molti spunti su cui riflettere. Non è facile parlare del pensiero e delle opere di Virginia Woolf, eppure Elisabetta Bricca ci è riuscita, con dovizia di particolari.

Attraverso Emma l’autrice si rivolge alle donne di oggi, parlando delle donne di ieri; nessuna donna dovrebbe rinunciare alla propria dignità, ai suoi sogni e all’amore per sè stessa, concetti per nulla scontati e temi attualissimi che condizionano la vita di ogni donna, ogni giorno, sia nell’ambito familiare sia in quello lavorativo.

Elisabetta Bricca accoglie tra le sue pagine il grido, potente, di Virginia Woolf, un grido che è ancora il nostro. Perché le donne non devono mai avere paura di osare, perchè c’è qualcosa di più importante dell’amore di un uomo, l’amore per sé stesse.

Piaciuto molto, consiglio a tutti di leggere Cercando Virginia di Elisabetta Bricca.

Se l’articolo è stato di vostro gradimento vi invito a leggere la recensione di “Il rifugio delle ginestre” della stessa autrice.

Scheda dell’editore

Cercando Virginia Elisabetta Bricca Garzanti letturedikatja.com

Credeva che nulla sarebbe mai cambiato. Poi ha ascoltato la voce della letteratura. E ha scoperto che l’indipendenza è possibile.

«Dedicheremo il tempo che trascorriamo insieme alla lettura di testi scritti da donne. Il primo passo sarà quello verso l’autocoscienza: dobbiamo imparare ad avere fiducia in noi stesse e nelle nostre capacità. Una donna non è un oggetto. È, prima di tutto, una persona e, in quanto tale, ha il diritto di essere ciò che vuole.»

Cortona, 1976. La luce è flebile, ma a Emma, rannicchiata nel fienile, basta per immergersi nelle pagine dei libri che è costretta a leggere di nascosto. Lontano dagli occhi del padre che la vorrebbe impegnata nelle faccende domestiche. Finora è riuscita a proteggere il suo segreto. Ma quando si rende conto di non poter più continuare, preferisce andarsene e accettare un posto da cameriera offertole da una ricca aristocratica di origini inglesi che si fa chiamare “signora Dalloway”. Per Emma quel lavoro rappresenta l’occasione unica di conquistare l’indipendenza. Ciò che non si aspetta è di trovare nella signora Dalloway un mentore, oltre che un’amica fidata. Fin dai primi giorni di servizio, la donna si accorge della curiosità che accende l’animo di Emma.

È per questo che decide di proporle delle ore di lettura condivisa alla scoperta di una delle prime scrittrici femministe della storia: Virginia Woolf. Così, sfogliando Una stanza tutta per sé, Le tre ghinee, Diario di una scrittrice, Emma si nutre delle parole illuminate di Virginia e inizia a coltivare il sogno di una vita in cui è lei a scegliere il proprio destino. Ma per realizzarlo deve prima combattere contro chi tenta in ogni modo di ostacolarla e tenerla lontano dai libri. Solo così potrà davvero trovare la sua personale Virginia e, in lei, la voce per esprimere ciò che sente dentro.

Elisabetta Bricca ci consegna uno straordinario romanzo di formazione che è un inno al potere salvifico della letteratura. E insieme un elogio al coraggio di tutte le donne che sono disposte a sacrificare anche gli affetti e la stabilità di un’esistenza convenzionale per combattere l’ingiustizia e vedere riconosciuti e rispettati i propri diritti.

L’autrice

Cercando Virginia Elisabetta Bricca Garzanti letturedikatja.com

Elisabetta Bricca, nata e cresciuta ner core di Roma, è laureata in Sociologia, comunicazione e mass media; è copywriter, autrice e traduttrice. Vive con il marito e le due figlie al Rifugio del Daino, un antico casolare umbro circondato da ulivi e boschi, che domina il Lago Trasimeno. È appassionata di arte, cucina, vino e natura.

Il suo e-book Il falco di Maggio, pubblicato su Amazon, ha scalato le classifiche e si è guadagnato per molte settimane consecutive il primo posto nei romanzi Rosa e di Avventura.
Per Harlequin Mondadori ha pubblicato Sangue Ribelle e D’amore e di ventura.
Il rifugio delle ginestre è uscito per Garzanti nel giugno del 2017. Il suo ultimo libro è Cercando Virginia (Garzanti 2020).

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*